Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)
Please update your Flash Player to view content.
Nigra sum. Culti, santuari e immagini delle Madonne nere d'Europa
There are no translations available.

Banca dati delle Madonne nere d'Europa

Il Centro di Documentazione dei Sacri Monti, Calvari e Complessi devozionali europei e l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, in collaborazione con la Riserva Naturale Speciale del Sacro Monte di Oropa, hanno curato la ricerca on line che ha portato alla costruzione della banca dati delle Madonne nere d’Europa presente in questo sito.
Le Madonne di alcuni celebri santuari mariani d’Europa sono nere o brune: Oropa, Crea, Varese e Loreto in Italia, Montserrat in Spagna, Czestochowa in Polonia, Einsiedeln in Svizzera, Rocamadour in Francia, sono i vertici di un diffuso e poco noto fenomeno di immagini mariane caratterizzate dal colore bruno della Vergine.
In ambito europeo le Madonne nere costituiscono un comune patrimonio religioso, storico, culturale e artistico: in questo censimento effettuato sul web sono state individuate 767 Madonne nere così distribuite:
Francia: 428 Italia: 150 Spagna: 107 Germania: 18
Belgio: 17 Malta: 8 Svizzera: 7 Austria: 5
Repubblica Ceca: 4 Regno Unito: 4 Portogallo: 3 Romania: 3
Croazia: 2 Lussemburgo: 2 Polonia: 2 Irlanda: 1
Kosovo: 1 Lettonia: 1 Lituania: 1 Montenegro: 1
Ungheria: 1 Turchia: 1    
       
Nel censimento sono state prese in considerazione le Madonne ritenute “nere” e “brune”: oltre alle Madonne universalmente riconosciute come “nere” infatti, ci sono molti altri casi di  Madonne dall’incarnato scuro o persino schiarite in seguito ai restauri, ma venerate come “nere”.
Questa banca dati vuole essere un primo strumento utile alla ricerca e all’individuazione delle Madonne nere europee. Sarà possibile per l’utente segnalare approfondimenti o integrazioni che possano implementare questa documentazione.

Gli Atti del Convegno Internazionale "Nigra Sum. Culti, Santuari e Immagini delle Madonne Nere d'Europa" svoltosi a Oropa e a Crea nel 2010 sono stati pubblicati e sono scaricabili in formato pdf al seguente link: http://www.sacrimonti.net